Squadra Europea pronta per firmare un contratto con Arjen Robben

Arjen Robben ha già rivelato che lascerà il Bayern Monaco a fine stagione .

Il 34enne ex nazionale olandese sarà fuori contratto alla fine della stagione e segnerà la fine del suo periodo di dieci anni con i bavaresi.

“Posso dire che questo è il mio ultimo anno e va bene così”, ha detto.

“Il club progredisce e io posso andare avanti, è la fine di un periodo molto buono e lungo, non mi fermerò ancora completamente”.

Secondo FC Inter News , l’Inter è pronta a buttarsi sull’ala del Bayern Monaco a parametro zero in estate.

I nerazzurri affronteranno una sfida molto tosta, soprattutto perché l’ex giocatore di Chelsea e Real Madrid ha già ricevuto un’offerta per giocare in un altro club .

Robben ha rivelato il mese scorso che era il momento giusto per lasciare il Bayern Monaco.

“Ovviamente è un grande passo, che non puoi fare solo in un giorno, era il momento giusto” ha detto.

“Il club vuole cambiare il volto della squadra e voglio preparare il mio futuro, sono semplicemente felice e grato che c’è chiarezza da entrambe le parti”.

Mentre i suoi piani futuri rimangono poco chiari per il momento, Robben ha persino lasciato intendere che potrebbe andare in pensione se non si presentasse l’occasione giusta.

“Non è del tutto chiaro, forse smetterò di giocare, si tratta di aspettare e vedere quali possibilità ci sono”, ha spiegato.

“Se arriveranno le offerte, le considererò davvero al 100% e se è qualcosa di carino, ci starò, ma se non arriveranno offerte ideali, allora potrebbe essere così.

“Ho tre figli e anche loro devono essere felici, quindi non si tratta solo di offerte dalla Cina o di posti nel deserto.

“La famiglia gioca un ruolo molto importante in ogni mia decisione”.

Robben potrebbe essere il secondo giocatore ad arrivare all’Inter a parametro zero, con voci recenti che suggeriscono che il capitano dell’Atlético Madrid Diego Godín in estate, potrebbe vestire nerazzurro.

Cristiano Ronaldo nomina il difensore più tosto che abbia mai affrontato

Durante il suo periodo di sette anni con il Manchester United, Cristiano Ronaldo ha affrontato alcuni dei migliori difensori del calcio mondiale sia nella Premier League sia nella Champions League.

Guardando al passato, John Terry del Chelsea era all’apice della sua forma, quindi potrebbe farti venire in mente lui o forse qualcuno della sua squadra durante gli allenamenti: Nemanja Vidic o Rio Ferdinand?

No. In un’intervista con El Chiringuito TV all’inizio di quest’anno, il cinque volte Pallone d’Oro ha rivelato che l’ex terzino sinistro del Chelsea Ashley Cole è stato un nemico difficile.

In effetti, è stato l’avversario più duro che il 33enne abbia mai affrontato nella sua carriera professionale di 16 anni. Ora è una dichiarazione coraggiosa.

Ha detto:

“Nel corso degli anni ho avuto delle grandi battaglie con Ashley Cole, non ti da un secondo per respirare: era un giocatore talmente tenace, veloce, duro nel placcaggio, con un gioco semplice ed efficace “

Penso che sia giusto dire che l’ex terzino dell’Arsenal conteneva meglio Ronaldo rispetto alla maggior parte dei difensori affrontati fino ad ora. Ma in un episodio, durante lo 0-0 del Manchester United all’Old Trafford dimostra che anche Ashley Cole ha dovuto cedere al talento di Cristiano Ronaldo.

Al 4 ° minuto, Ronaldo cambiò rapidamente direzione e Cole non riuscì a rimanere in piedi, il che portò la folla dell’Old Trafford a canzonarlo mentre atterrava sul suo didietro.

Ancelotti minaccia il Napoli di “allontanarsi” dalle partite dopo l’abuso razziale contro Koulibaly

Il manager del Napoli Carlo Ancelotti ha emesso una chiara minaccia dopo che Kalidou Koulibaly è stato bersaglio di abusi razziali durante la partita dell’Inter.

Il Pensiero di Messi su Ronaldo alla Juve

NON SARA’ PIU’ LA STESSA LIGA

Senza Cristiano Ronaldo in Spagna, gli ascolti e gli abbonamenti dei tifosi del Real Madrid sono calati e non di poco. Una mossa azzardata da parte del presidente Florentino Perez che adesso ne accetta le conseguenze.

Ciò che dava maggior lustro al campionato spagnolo era avere gli ultimi 10 palloni d’ Oro negli stadi di tutta la Spagna.

Ora i Palloni d’Oro adesso sono 5, e non sono più gli ultimi.

IL TRASFERIMENTO DI RONALDO

Il trasferimento del secolo, costato circa 100 milioni di euro, era sulla bocca di tutti in estate, ognuno esprimeva il proprio pensiero, al bar, tra gli amici, sui giornali e in TV.


Per la prima volta, a parlare e ad esprimere le proprie opinioni c’è Leo Messi, l’eterno rivale:

“Il Real Madrid è una delle migliori squadre del mondo e ha una grande squadra ma è evidente che l’assenza di Ronaldo li rende meno forti e rende la Juventus una delle favorite per vincere la Champions League.

“Mi ha sorpreso, non immaginavo che avrebbe mai lasciato Madrid o si sarebbe unito alla Juventus, c’erano molte squadre che lo volevano, mi ha sorpreso, ma è andato in una squadra molto forte ” .

I LORO CAMMINI

Il Real Madrid torna in questa stagione da 3 Champions di fila, l’ assenza di CR7 e di Zinedine Zidane si faranno sentire, ma resta comunque una squadra da non sottovalutare.


Il Barcellona, invece, ha passato gli ultimi 3 anni in crisi, sia per la forma dei giocatori, sia per l’addio di grandi bandiere che fungevano da pilastri nel sostegno della squadra, ma si vede che è una squadra che sta per ritornare grande già da questo avvio di campionato.

Leo Messi non è stato candidato per il trofeo FIFA “The Best”, ma ha iniziato questa stagione con quattro gol in tre partite.

Ronaldo è in lista ma nel suo inizio di campionato in Italia non è riuscito ancora a trovare la gloria della rete nelle sue prime tre partite per la Vecchia Signora.



Zlatan Ibrahimovic chiama personalmente i suoi tifosi

PRENOTA QUI FIFA 19 Champions Edition IN ESCLUSIVA


CIAO SONO ZLATAN…

Immagina di essere a lavoro, a casa, o in giro con gli amici e di ricevere la telefonata del miglior giocatore della tua squadra del cuore.

Ad un paio di tifosi del LA GAlaxy è successo davvero. Hanno ricevuto una chiamata da un certo Zltan Ibrahimovic che li consigliava di rinnovare il proprio abbonamento per lo stadio dell’ LA Galaxy del 2019.


Oltre ad alcune telefonate, Zlatan ha anche inviato alcune mail dirette  e decise, insomma, proprio di Ibrahimovic con scritto: “Tu rinnoverai l’abbonamento, adesso! Saluti, Zlatan”.

Fonte: LA Galaxy

L’AVVENTURA DI ZLATAN NEGLI USA

Ibrahimovic ha lasciato i campionati Europei per approdare nella MLS della California dove ha realizzato sino ad ora ben 16 goal in campionato in 20 partite disputate


Nel frattempo, rispondendo ad alcune domande fatte dai giornalisti riguardo alle squadre europee lui dice:

“Non ho avuto nessun problema con nessun allenatore, sia quando ero a Manchester, sia quando ero a Barcellona, erano loro che avevano dei problemi e io non lo sapevo. Con Mourinho ci vuole rispetto e disciplina e credo di non aver mai peccato nei suoi confronti”.

Inoltre Zlatan si dice davvero contento del suo cammino negli Stati Uniti soprattutto, dice lui, per tutti coloro che dicevano che la sua carriera era finita, che lui era finito, senza tener conto di ciò che sta facendo e del brutto infortunio subito lì a Manchester.

“Io non sarò mai finito, sarò sempre al massimo, e ve lo dimostro giorno per giorno”.

Conclude Zlatan.




Il Piccolo Cristiano Ronaldo

CRISTIANO JR E LA MAGLIA DELLA JUVE




Cristiano Ronaldo JR sembra che stia inseguendo i passi del padre passo dopo passo. Infatti, è entrato a far parte dell’ Accademia Esordienti della Vecchia Signora.

Il padre, dopo esser stato al centro del “trasferimento del secolo”, costato alla Juventus oltre 100 milioni di euro, adesso vede il proprio figlio giocare e allenarsi a Vinovo accanto a lui nella squadra under-9 dei bianconeri.


LE PAROLE DI CRISTIANO RONALDO SENIOR

“Cristiano Junior è molto competitivo, è come me quando avevo la sua età, a entrambi non piace perdere. Sono sicuro al 100% che diventerà come me, se non più forte”.

Cristiano Ronaldo Junior non è l’ unico figlio d’arte della Vecchia Signora, anche il figlio di Andrea Barzagli, Mattia, e il figlio di Claudio Marchisio, Davide (che seguirà il padre in futuro), si allenano con la giovane Accademia, ma sono a dei livelli molto inferiori rispetto al figlio del Pallone d’Oro in carica.

Adesso alcune domande sorgono spontanee. Il Calcio futuro sarà pronto per accogliere un terzo Ronaldo nella storia? Sicuramente avrà degli scarpini pronto per questo nuovo talento. Ma la strada è ancora lunga.





preordina adesso fifa 19 ad un prezzo bassissimo.

 

Il Malore di Maradona

LA SUA ARGENTINA

“Finalmente vedremo giocare l’ Argentina da Argentina” dice El Pibe de oro prima della partita contro la Nigeria. Ci teneva tanto al passaggio del turno, e si vedeva dallo show che ha regalato lui stesso dalla tribuna attirando l’ obbiettivo di tante fotocamere e telecamere scattando foto che hanno fatto il giro del mondo in una manciata di minuti.

Tante emozioni tutte in una volta, prima la gioia del primo goal di Messi, e subito dopo la tensione del pareggio della Nigeria.

IL MALORE DI MARADONA




“Ho avuto un forte dolore alla nuca e un mancamento, ma non potevo tornare a casa. Ci sarò ancora per un bel po”.

Sono queste le dichiarazioni di Maradona dopo aver fatto preoccupare tutti coloro che erano vicino a lui durante la partita della sua Argentina. Durante l’intervallo Diego Maradona è stato sottoposto ad una visita medica da parte dello staff competente della tribuna d’ onore. Un malore che ha fatto pensare il peggio data l’età che avanza e la vita frenetica dell’ ex attaccante del Napoli.

“I medici mi hanno consigliato di andare a casa tra il primo e il secondo tempo, ma ho voluto continuare a seguire il match, non potevo abbandonare la mia Argentina in un momento così delicato”.

Se Diego ha quasi rischiato lo svenimento per una partita di girone, non si osa immaginare cosa potrebbe succedere se l’Argentina riuscisse ad arrivare in Finale della Coppa del Mondo.

 




Thiago Silva: Ho il Milan nel cuore e vorrei…

LE DICHIARAZIONI DI THIAGO SILVA

L’ ex difensore rossonero sogna un ritorno a vestire la maglia del Milan e lo dichiara durante un’ intervista alla Gazzetta dello Sport: “Il Milan è nel mio cuore, vorrei tanto tornare per chiudere la carriera in bellezza. Gattuso è un pilastro della società, alla squadra però mancano un paio di campioni”.


UN FANTASTICO RITORNO

Il brasiliano ha detto addio al Milan nell’ estate del 2012, ma il diavolo rossonero continua a occupare un posto speciale nel suo cuore secondo le sue dichiarazioni. Continua dicendo:” Se ricevessi un’ offerta dal Milan come potrei dire di no? Una squadra che mi ha dato tutto e io ho ricambiato per come h potuto”. Non è mai semplice parlare di futuro, ma nel calcio “Mai dire mai”.

L’ex rossonero dice di essere tutt’ora un grande tifoso del Milan seguendo tutte le vicende e le partite della società milanese. “Il calcio italiano e soprattutto europeo ha bisogno del Milan, la strada rimane ancora lunga purtroppo, ma certe  problematiche si devono mettere in conto quando una squadra si stravolge da una stagione all’ altra. Nuovi giocatori, nuova dirigenza, nuovi tecnici non rendono le cose facili ma tempo al tempo, tutto si deve adattare prima o poi”. Conclude così il brasiliano.

THIAGO SILVA SU GATTUSO




In questo momento, ad allenare il Milan c’è un grande ex compagno di squadra del brasiliano in rossonero. Rino Gattuso è l’uomo perfetto in questo momento preciso della storia del Milan secondo Thiago Silva. “Ha la stessa cattiveria agonistica di quando giocava, ed è proprio quello di cui aveva bisogno il Milan”, continua il brasiliano.

IL FUTURO

“Ho 33 anni ma questo non è un problema, in campo cambia tutto. Io ci sono ancora, eccome se ci sono. Sarò ancora protagonista”. Conclude così l’ ex difensore rossonero.

FOOTBALL RELIGION CONSIGLIA:






Chiellini: Puntiamo a vincere tutto

LE DICHIARAZIONI

Giorgio Chiellini, ospite della scuderia Ferrari in Formula 1, insieme al suo ex compagno di squadra Leonardo Bonucci ha rilasciato delle dichiarazioni non indifferenti tra cui:




“Nella prossima stagione proveremo a fare quello che negli scorsi anni non siamo riusciti a fare, ma ci siamo sempre andati vicini, proveremo a vincere tutto. Io capitano della Juventus, perchè no, sarebbe un onore”. Siamo sereni e tranquilli, anche un po’ dispiaciuti per l’addio di Gigi, ma prima o poi arrivaerà il momento di tutti. Ora c’è bisogno di riposo, poi comincerà un’altra grande annata che sarà allo stesso livello delle ultime, ne sono sicuro. A differenza che proveremo con tutte le nostre forze a vincere tutto

RESPONSABILITA’

Il difensore bianconero avrà un responsabilità non indifferente, quella di ereditare dal braccio di Buffon la fascia di capitano della “Vecchia Signora”.

Poi ridendo e scherzando dichiara ancora: “Sono sempre più vecchio, Gigi mi mancherà, ma spero di lasciare ben motivati quei compagni ancora giovani che rimarranno quando non ci saremo più noi.

SE SEI JUVENTINO TI CONSIGLIAMO LA MAGLIA “MY7H” IN ONORE DEL SETTIMO SCUDETTO DI FILA DELLA JUVENTUS.

FOOTBALL RELIGION CONSIGLIA:






Sergio Ramos sotto accusa

LE ACCUSE

Il Capitano del Real Madrid Sergio Ramos, è stato per molto tempo sotto i riflettori del mondo del calcio per diverse ragioni, buone o cattive che siano.

Una delle tante ragioni, se non la principale, è quella di aver volontariamente atterrato il giocatore del Liverpool Mohammed Salah e di avergli provocato una lussazione alla spalla per la quale ha dovuto, il 25 maggio scorso, abbandonare il campo e dire addio alla sua sua finale di Champions League.


LA NUOVA ACCUSA

Analizzando attentamente ogni movimento di ogni singolo giocatore durante la Finale di Kiev, i medici del Massachusetts General Hospital hanno notato che Sergio Ramos aveva dato una forte gomitata al portiere del Liverpool Karius provocandogli una disfunzione spaziale visiva diagnosticata dai medici stessi pochi giorni dopo la partita.

Il Capitano del real Madrid sembra che abbia eseguito questa azione al 49esimo minuto, pochi minuti prima del primo errore che è costato il vantaggio dell’ 1-0 del Real Madrid.

Le domande sono tante: ”  E’ possibile che la partita sia stata stravolta da questo evento? Il portiere del Liverpool era davvero in grado di continuare a parare dopo il colpo subìto?”

LA RISPOSTA DI SERGIO RAMOS

Dopo tutte queste accuse, Ramos, stanco risponde sarcasticamente ai media e ai suoi accusatori: “Adesso ci manca anche che qualche giocatore si sia raffreddato perchè una mia goccia di sudore lo ha sfiorato”.

I PRODOTTI CONSIGLIATI DA FOOTBALL RELIGION: