Milan, non ci voleva! Montella deve andare via

MILAN STORDITO E CONFUSO

I tifosi si dicono molto arrabbiati a causa della prestazione dei giocatori rossoneri ma soprattutto delle scelte con le quali Montella ha deciso di affrontare la partita.

Non è mai facile contro squadre come la Sampdoria. Si trasformano contro i grandi nomi, specialmente quando giocano in casa, diventano delle belve e la tifoseria fa da 12° uomo in campo.

stadio-ferraris
Stadio Luigi Ferraris

 

“Ma fate sul serio?” si esprimono i tifosi rossoneri. 200 milioni spesi durante il mercato estivo e questi sono i risultati che porta a casa Montella. Il 4-1 contro la Lazio ci poteva anche stare, anche con qualche forzatura, ma 2-0 contro la Samp no. Le accuse, quindi ricadono tutte sul C.T., anche quelle dell’ amministaratore delegato Fassone al quale sfiora l’idea di un futuro esonero dell’ allenatore.

“Non sono gli acquisti sbagliati, ma le scelte tattiche optate”

Dice Fassone.



Montella deve studiare ancora, è impreparato, non riesce a gestire la formazione, deve sperimentare di più, non si possono lasciare 100 milioni in panchina vedere la disfatta di un Milan che all’ inizio aveva illuso tutti i tifosi speranzosi di una rinascita.

“La squadra non la sa motivare”.

“Per una squadra del genere ci vuole polso, lui è troppo elastico”

“Mentalità sbagliata fin dall’ inizio”

Sono questi i commenti a caldo dei tifosi, e chi più di loro che stanno vedendo lo sfacelo di anni e anni di glorie sanno cos’è meglio per la loro squadra del cuore?. Si sentono umiliati nel profondo, non si possono illudere in questo modo milioni di persone. La pazienza ha un limite.

RIFLESSIONI SULLA SQUADRA





Donnarumma: Senza colpe nelle occasioni da gol della Samp.

Zapata: Troppo sottile, salva un gol ma ne regala un altro che permette alla Samp di chiudere la partita.

Bonucci: Non ancora quello della Juventus.

Romagnoli: Partita discreta, senza particolari errori.

Abate: Si vede poco, la Samp, dalla sua parte, è riuscita a sfondare spesso.

Kessie: Troppo lento e impreciso. Tanti errori in fase di passaggio.

Biglia: L’unico che cerca di inventare qualcosa, ma nessuno si fa vedere.

Bonaventura: Quasi sempre giocate difficili che non riescono.

Ricardo Rodriguez: Impreciso nei cross ma ha dato tanto, almeno in corsa.

Suso: Passeggia in campo, trovando poco dialogo calcistico con la punta.

Kalinic: Tutto da solo non riesce a fare molto, lotta, crea spazi ma la palla non arriva quasi mai.





 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *